Skip to content

Questo blog, in pausa

30 marzo 2015

Il blog che state leggendo è temporaneamente sospeso dalla primavera del 2010. Se volete contattarmi basta cercare su Google, Facebook o Twitter.

Internet insegnami tu

22 marzo 2010

Come si costruisce (da soli) un pannello solare spendendo 100 euro? E come si fa a sedurre una donna che abbiamo invitato a cena? E poi: qual è il modo più efficace per sbarazzarsi dei moscerini che ronzano attorno alla luce del terrazzo?

Sono alcune delle domande più gettonate nei principali siti di fai-da-te, che nell’ultimo anno stanno vivendo un incredibile boom. Prima dell’avvento del Web il fai-da-te era relativo solo ad attività come falegnameria, giardinaggio, bricolage e così via. Oggi le cose stanno cambiando e in Internet sono sempre di più le comunità che nascono (spontaneamente o a seguito di un’iniziativa commerciale) con l’obiettivo di creare delle vere e proprie guide del fai-da-te (o do-it-yourself, ‘Diy’, come sintetizzano gli anglofoni) in tutti i campi: dall’elettronica allo sport e fitness, dall’alimentazione alla cura delle automobili, fino ai matrimoni, alle feste e ai viaggi.

[continua su L’espresso]

Italia, l’azienda è No Web

9 marzo 2010

Tutto è cominciato nel 2004 con un lucchetto. Da una parte c’era la Kryptonyte, azienda statunitense produttrice di lucchetti per biciclette. Dall’altra un ciclista di San Francisco, Chris Brennan. Che in Rete dimostrò con un video come fosse facile aprire con una penna Bic uno degli ‘indistruttibili’ prodotti della società americana. Inizialmente la Kryptonyte sottovalutò Brennan e la potenza virale del suo filmato, che invece si propagò in tutto il mondo tanto che la società Usa fu costretta a sostituire gratis circa 40 mila pezzi.

[continua su L’espresso]

Mr Wireless

4 marzo 2010

Mr Wireless è un supereroe insolito. Vive a Torino, non ha il costume (né poteri speciali) e non arriva da un altro pianeta. Ma sogna un mondo diverso. Dove tutti possano accedere a internet, low cost e in banda larga. Soprattutto in quei posti dove la Rete era finora un miraggio.

Prima a Verrua Savoia, poi sul Monte Rosa e ora in Amazzonia e in Darfur: «Perché la diffusione del sapere è l’arma più efficace per vivere in un mondo migliore», spiega nel suo studio al Politecnico di Torino. Mister Wireless è professore di Ingegneria dell’Informazione e insegna in tre corsi – Sistemi a radiofrequenza, Radio planning (in inglese) e Compatibilità elettromagnetica – ma non immaginatevi un vecchio barone, Trinchero ha 40 anni. Dopo essersi laureato al Politecnico e aver lavorato in Inghilterra alla Loughborough University, nel ’98 è tornato a Torino grazie a uno “strano” bando di concorso: «Inizialmente era per l’assunzione di un bidello, poi lo trasformarono in un posto di ruolo», racconta ironizzando sul modo in cui si diventa docenti in Italia.

Ho incontrato Trinchero in una fredda mattina sabauda. Ci eravamo dati appuntamento perché volevo capire come mai fosse un prof italiano a portare internet negli ospedali e nelle scuole del Darfur. A questa domanda, Mister Wireless risponde: «La storia è lunga e comincia a Verrua Savoia, dove abito nella casa che fu di mio nonno. Se hai tempo, ti racconto tutto, ma prima ho bisogno di un cappuccino caldo, altrimenti non riesco a carburare».

[continua su Wired]

Internet car: senti le auto che parlano?

5 gennaio 2010
tags: ,

«ATTENZIONE, VEICOLO CONTROMANO IN ARRIVO». La voce, un po’ metallica, esce fuori dal cruscotto della Bravo e ci avvisa di quello che ancora non vediamo. Ma che sta per succedere. Infatti passa qualche secondo e, superata la curva, quel veicolo contromano arriva davvero. Per fortuna, però, ci eravamo spostati sulla corsia di emergenza in tempo utile: pericolo scampato. Siamo a Orbassano, in provincia di Torino, dove da circa tre anni un gruppo di ingegneri e tecnici sta tentando un’impresa tecnologica che potrebbe rivoluzionare per sempre il sistema dei trasporti su strada (e quindi anche la nostra vita): l’internet delle auto.

[continua su Wired]

Internet fammi ridere

19 novembre 2009

Ultime dall’Italia: “Berlusconi annuncia il piano di ampliamento delle carceri. Quest’uomo continua a pensare solo a se stesso”. Passiamo alla vicenda Marrazzo: “Per il video che lo ha inchiodato si sospettano mandanti occulti. Il filmato si chiude con il trans che dice ‘Italia uno!'”.

Quelle che avete appena letto non sono le notizie di un tg satirico. Le trovate su Internet, in decine di siti (nel nostro caso la fonte è Spinoza.it) sempre più cliccati e riprodotti sulle piattafrome di social network. Sì, perché gli esperimenti di umorismo e satira on line stanno aumentando. Il motivo è semplice e porta la (solita) sigla del Web 2.0. Crescono infatti gli utenti che avviano un blog o (più frequentemente) si aprono uno spazio sulle tante piattaforme (da Facebook a Twitter fino a FriendFeed) che permettono a chiunque di condividere riflessioni, pensieri, stati d’animo e dunque anche battute.

[continua su L’espresso]

Caro pc cantami la buonanotte

1 ottobre 2009

L’ultimo in ordine di tempo arriva dagli Stati Uniti. Si chiama Zeo e, al prezzo di 400 dollari (poco meno di 280 euro), si può comprare sul sito Myzeo.com. A prima vista lo Zeo sembra una radiosveglia. In realtà – come recita il suo slogan – è un Personal Sleep Coach. In altre parole è uno strumento in grado di osservare e studiare, minuto per minuto, il nostro sonno. Come?

[continua su L’espresso]

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.